Fashion

FAKE FUR

29 Agosto 2018

Lo so, siamo solo a fine agosto e l’estate non è ancora finita, ma io mi sto già preparando per l’inverno che verrà.

Sono amante degli animali e pubblico questo post per sensibilizzare un po’ tutti. Negli scorsi mesi, sui cartelloni pubblicitari, venivano affisse immagini di animali destinati a diventare giacche, calzature, borse, accessori, ecc. Dalle foche, ai furetti, volpi e cincillà, visoni, procioni, conigli, oche e pure cani e gatti vengono uccisi e utilizzati per creazioni di alta moda e non.
Gli animalisti stanno lottando contro questo fenomeno e negli ultimi anni anche le grandi case di moda hanno iniziato a dire NO alle pellicce animali e utilizzare materiali eco sostenibili per le proprie creazioni. Stella Mc Cartney in particolare si distingue per essere il marchio pioniere nel rispetto della natura e degli animali, seguita poi da Gucci, Giorgio Armani, Jimmy Choo e altri ancora.
Questo è un forte segnale che il mondo vuole cambiare, negli ultimi anni la moda ecosolidale ha preso piede sia nei grandi marchi sia per i piccoli brand, orientati all’utilizzo di materiali riciclati, naturali e non da ultimo nel rispetto dei lavoratori.

Anche le più grandi case low cost hanno aderito a progetti di moda ecofriendly ottenendo un grande successo con le linee Conscious collection per H&M, Join Life per Zara e Committed Collection per Mango.

Ci vuole ancora tanto lavoro e tempo per raggiungere grandi obiettivi, ma l’importante è che ognuno sia consapevole di ciò che acquista e si ferma un attimo a pensare cosa sta dietro al prodotto finito.

Eccovi una piccola lista dei brand ecofriendly e di quelli che invece per il momento non lo sono ancora diventati…

YES
Giorgio Armani
Gucci
H&M Conscious Collection
Jakke
Jimmy Choo
MICHAEL KORS
Save the Duck
Stella Mc Cartney
Zara Join Life

NO
Canada Goose
Moncler
Peuterey
Woolrich

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply